POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

giovedì, giugno 30

Galleria d'arte: illustrazioni per la silloge Nelle falesie dell'anima di Gavino Puggioni

Quattro anni fa, nel 2012,  avevo preparato 9 elaborazioni grafiche a china, per illustrare alcune poesie inserite nella silloge del Poeta Gavino Puggioni.  Ovviamente in bianco e nero. Oggi le ho trovate in una cartella del pc, mi sono divertita a colorarle un poco, almeno nello sfondo. Ma vorrei raccontarvi anche la storia di come sia nata la copertina di questa silloge:
Avevo trovato sul web questa foto, che mi ha colpito moltissimo: 


Il poeta Gavino Puggioni aveva scritto una poesia dal titolo "Il bambino con la chiave", e ho mostrato all'autore questa foto.  Ha pensato così di farla vedere alla brava illustratrice Debora Cabboi, che l'ha presa come modello per studiare un disegno che rappresentasse quel bambino in possesso di una chiave molto speciale.
Ed ecco il risultato: 

Questo bellissimo disegno è stato riportato nella copertina della silloge poetica titolata NELLE FALESIE DELL'ANIMA - o delle umane emozioni.


Copertina silloge.

La poesia che ha ispirato il disegno è la seguente:
Il bambino con la chiave



L'avevo visto quel bambino
son passati tanti anni ormai
l'avevamo visto noi tutti
quel bambino in compagnia
della sua solitudine
migrare da una terra all'altra
con quella chiave simbolica
nelle sue mani

a voler aprire
a voler dire
a voler urlare
al mondo intero

apritemi quella porta!

che nessuno osava sfiorare

Apritemi quella porta!
dietro di essa
c'è il mio mondo
c'è la mia speranza
quella che mi avete rubato
quella che state uccidendo
quella che io voglio salvare

Apritemi quella porta!
Con me ci sono milioni di bambini
guardateli! ascoltateli!
sono i miei compagni
siamo i vostri figli
in questa vita che tale ancora non è

Apritela! quella porta
la Terra è nostra
vogliamo viverla!


Gavino Puggioni
22 novembre 2012



I miei disegni sono stati ridotti al minimo indispensabile, e situati a fondo pagina di 9 delle innumerevoli poesie contenute nella silloge stessa.Qui le ho ingrandite, come avrebbero dovuto risultare nel libro. Tengo a precisare che l'autore mi aveva spedito la bozza in cartaceo della sua raccolta poetica, e per la quale ho provveduto a correggere alcuni refusi e offrirgli qualche suggerimento.











Alla silloge ho contribuito anche con una prefazione, la seguente:


Il titolo racchiude tutto il pensiero filosofico dell’Autore. Non servono luoghi e spazi di tempo, di come sia giunto a comporre l’attuale silloge, occorre percorrere le falesie dell’anima, per svelare il senso delle poesie di Puggioni, è comunque importante conoscere il motivo per cui ha scritto questi versi, e quali emozioni li hanno dettati. Le falesie sono coste con pareti rocciose che scendono a picco sul mare. Quelle dell’anima, sono le poesie che scendono a picco nell’interiorità dei poeti, per riversarsi nel mare calmo e profondo della scrittura.

L’Autore si è definito “una maschera dipinta – in una vita mascherata – da emozioni infinite”. Appare evidente l’input che fa scaturire i versi del Poeta, da addebitare alle sensazioni che gli affiorano nell’animo. La vita interiore, così intuisco, pare sia l’unica capace di donargli pienezza di sentimenti, che esterna con vera maestria, attraverso la liricità dei suoi versi.
Il suo amore incondizionato per la Terra, questo nostro Pianeta tanto maltrattato, e per l’intera umanità, soprattutto quella sofferente, strappa al Poeta urla di sconforto, versi di disperazione che cadono come lacrime sopra i fogli di carta, sui quali verga le sue composizioni.
Il ricordo del passato, della sua infanzia felice, gli fa cantare una nenia malinconica e insieme sublime, di quella vita vissuta accanto ai suoi affetti familiari, ai luoghi che l’hanno visto bambino. Si accorge che il tempo è implacabile, inflessibile, e che la vita vissuta ha lasciato una scia di ricordi che, pur facendo parte del trascorso, ritornano nel presente, come il relitto di una nave, affiorato sulla superficie del mare tanto amato dal Poeta. I giorni sono colmi di ricordi che lasciano una sensazione di vuoto apparente, poiché già il ricordo riempie mente e cuore.
In HO SOTTERRATO PIETRE, chiude con questi versi: ”Non ho sotterrato la memoria – che veglia su di me – pegno d’amore – per una vita semplice – dedicata a tutto – piena di niente”. E’ come se dopo aver vissuto occupandosi di mille cose, l’Autore si fosse accorto che in fondo non erano così importanti. Non è un po’ così per tutti noi? Il tempo scorre, e dalla solita umana indifferenza, si ritrova in un pomeriggio in cui il vento del deserto sibila nel silenzio, un boato del nulla infranto alle porte dell’infinito.
Scrive, il Poeta, del pomeriggio di una giornata ventosa, ma anche del meriggio della sua esistenza.. La parabola discendente della vita, non si può chiamare sera. Non fino a che vive nel cuore la speranza: speranza in un mondo migliore, della sopravvivenza di sentimenti colmi di umanità, in un’apoteosi di consapevolezza che vale ancora e sempre la pena di essere vissuta. Non è sera, fintanto che dietro una porta chiusa se ne apre un’altra, che si spalanca su nuove meraviglie, poiché la vita non è sempre triste, perché ci sono ancora musiche infinite da ascoltare, e la primavera che rifiorisce ancora e sempre.
Puggioni è un poeta amareggiato, a volte proprio arrabbiato per come gira il mondo, a causa delle guerre, della fame che dilania i popoli, dei bambini maltrattati, un mondo che diventa sempre più indifferente ai veri bisogni dell’umanità.
Il Poeta s’identifica, quindi, come una pallina: “Sono una pietra dura – scalfita – consumata – sbattuta come una pallina – sempre a rotolar – tra pensieri impervi – viali di una vita – che scorre e corre lenta – verso la sua meta”. C’è molto realismo in questi versi, e una sottile rassegnazione, che però spesso scompare, illuminata da un rivolo di speranza.
L’Autore termina la silloge con questo lirismo: “…lassù, soli – ci abbraccerà il vento – che spazzerà il male – dall’universo…e la vita ritornerà”.
Rimane ancora molta positività dentro gli armoniosi versi dell’Autore, che con occhio attento dipinge la Vita com’ è realmente, piena di contraddizioni, di bellezza e di fango, ma che lascia aperta la porta alla Dea Spes, che come tutti sappiamo, se dovesse proprio morire, sarebbe davvero l’ultima.
 Danila Oppio


Galleria d'arte: illustrazioni per la silloge Nelle falesie dell'anima di Gavino Puggioni

Quattro anni fa, nel 2012,  avevo preparato 9 elaborazioni grafiche a china, per illustrare alcune poesie inserite nella silloge del Poeta Gavino Puggioni.  Ovviamente in bianco e nero. Oggi le ho trovate in una cartella del pc, mi sono divertita a colorarle un poco, almeno nello sfondo. Ma vorrei raccontarvi anche la storia di come sia nata la copertina di questa silloge:
Avevo trovato sul web questa foto, che mi ha colpito moltissimo: 


Il poeta Gavino Puggioni aveva scritto una poesia dal titolo "Il bambino con la chiave", e ho mostrato all'autore questa foto.  Ha pensato così di farla vedere alla brava illustratrice Debora Cabboi, che l'ha presa come modello per studiare un disegno che rappresentasse quel bambino in possesso di una chiave molto speciale.
Ed ecco il risultato: 

Questo bellissimo disegno è stato riportato nella copertina della silloge poetica titolata NELLE FALESIE DELL'ANIMA - o delle umane emozioni.


Copertina silloge.

La poesia che ha ispirato il disegno è la seguente:
Il bambino con la chiave



L'avevo visto quel bambino
son passati tanti anni ormai
l'avevamo visto noi tutti
quel bambino in compagnia
della sua solitudine
migrare da una terra all'altra
con quella chiave simbolica
nelle sue mani

a voler aprire
a voler dire
a voler urlare
al mondo intero

apritemi quella porta!

che nessuno osava sfiorare

Apritemi quella porta!
dietro di essa
c'è il mio mondo
c'è la mia speranza
quella che mi avete rubato
quella che state uccidendo
quella che io voglio salvare

Apritemi quella porta!
Con me ci sono milioni di bambini
guardateli! ascoltateli!
sono i miei compagni
siamo i vostri figli
in questa vita che tale ancora non è

Apritela! quella porta
la Terra è nostra
vogliamo viverla!


Gavino Puggioni
22 novembre 2012



I miei disegni sono stati ridotti al minimo indispensabile, e situati a fondo pagina di 9 delle innumerevoli poesie contenute nella silloge stessa.Qui le ho ingrandite, come avrebbero dovuto risultare nel libro. Tengo a precisare che l'autore mi aveva spedito la bozza in cartaceo della sua raccolta poetica, e per la quale ho provveduto a correggere alcuni refusi e offrirgli qualche suggerimento.











Alla silloge ho contribuito anche con una prefazione, la seguente:


Il titolo racchiude tutto il pensiero filosofico dell’Autore. Non servono luoghi e spazi di tempo, di come sia giunto a comporre l’attuale silloge, occorre percorrere le falesie dell’anima, per svelare il senso delle poesie di Puggioni, è comunque importante conoscere il motivo per cui ha scritto questi versi, e quali emozioni li hanno dettati. Le falesie sono coste con pareti rocciose che scendono a picco sul mare. Quelle dell’anima, sono le poesie che scendono a picco nell’interiorità dei poeti, per riversarsi nel mare calmo e profondo della scrittura.

L’Autore si è definito “una maschera dipinta – in una vita mascherata – da emozioni infinite”. Appare evidente l’input che fa scaturire i versi del Poeta, da addebitare alle sensazioni che gli affiorano nell’animo. La vita interiore, così intuisco, pare sia l’unica capace di donargli pienezza di sentimenti, che esterna con vera maestria, attraverso la liricità dei suoi versi.
Il suo amore incondizionato per la Terra, questo nostro Pianeta tanto maltrattato, e per l’intera umanità, soprattutto quella sofferente, strappa al Poeta urla di sconforto, versi di disperazione che cadono come lacrime sopra i fogli di carta, sui quali verga le sue composizioni.
Il ricordo del passato, della sua infanzia felice, gli fa cantare una nenia malinconica e insieme sublime, di quella vita vissuta accanto ai suoi affetti familiari, ai luoghi che l’hanno visto bambino. Si accorge che il tempo è implacabile, inflessibile, e che la vita vissuta ha lasciato una scia di ricordi che, pur facendo parte del trascorso, ritornano nel presente, come il relitto di una nave, affiorato sulla superficie del mare tanto amato dal Poeta. I giorni sono colmi di ricordi che lasciano una sensazione di vuoto apparente, poiché già il ricordo riempie mente e cuore.
In HO SOTTERRATO PIETRE, chiude con questi versi: ”Non ho sotterrato la memoria – che veglia su di me – pegno d’amore – per una vita semplice – dedicata a tutto – piena di niente”. E’ come se dopo aver vissuto occupandosi di mille cose, l’Autore si fosse accorto che in fondo non erano così importanti. Non è un po’ così per tutti noi? Il tempo scorre, e dalla solita umana indifferenza, si ritrova in un pomeriggio in cui il vento del deserto sibila nel silenzio, un boato del nulla infranto alle porte dell’infinito.
Scrive, il Poeta, del pomeriggio di una giornata ventosa, ma anche del meriggio della sua esistenza.. La parabola discendente della vita, non si può chiamare sera. Non fino a che vive nel cuore la speranza: speranza in un mondo migliore, della sopravvivenza di sentimenti colmi di umanità, in un’apoteosi di consapevolezza che vale ancora e sempre la pena di essere vissuta. Non è sera, fintanto che dietro una porta chiusa se ne apre un’altra, che si spalanca su nuove meraviglie, poiché la vita non è sempre triste, perché ci sono ancora musiche infinite da ascoltare, e la primavera che rifiorisce ancora e sempre.
Puggioni è un poeta amareggiato, a volte proprio arrabbiato per come gira il mondo, a causa delle guerre, della fame che dilania i popoli, dei bambini maltrattati, un mondo che diventa sempre più indifferente ai veri bisogni dell’umanità.
Il Poeta s’identifica, quindi, come una pallina: “Sono una pietra dura – scalfita – consumata – sbattuta come una pallina – sempre a rotolar – tra pensieri impervi – viali di una vita – che scorre e corre lenta – verso la sua meta”. C’è molto realismo in questi versi, e una sottile rassegnazione, che però spesso scompare, illuminata da un rivolo di speranza.
L’Autore termina la silloge con questo lirismo: “…lassù, soli – ci abbraccerà il vento – che spazzerà il male – dall’universo…e la vita ritornerà”.
Rimane ancora molta positività dentro gli armoniosi versi dell’Autore, che con occhio attento dipinge la Vita com’ è realmente, piena di contraddizioni, di bellezza e di fango, ma che lascia aperta la porta alla Dea Spes, che come tutti sappiamo, se dovesse proprio morire, sarebbe davvero l’ultima.
 Danila Oppio


sabato, giugno 25

Premio straordinario Hostaria delle Immagini - Secondo classificato Tommaso Mondelli

CONCORSO STRAORDINARIO DI POESIA E PROSA
HOSTARIA DELLE IMMAGINI DI CORTEMAGGIORE


Il circolo culturale Hostaria delle Immagini di Cortemaggiore (PC) ha indetto una edizione straordinaria del concorso di poesia e prosa dedicato agli importanti anniversari ricorrenti nell'anno 2016, suddivisi fra letterari:

  400 anni dalla morte di Shakespeare e Cervantes;

  500esimo anniversario della pubblicazione de L'Orlando Furioso di L. Ariosto;

  110 anni dalla vittoria del premio Nobel per la letteratura a Giosuè Carducci;
  150esimo anniversario dalla nascita di Benedetto Croce;
E temi storici:
   70esimo anniversario della Repubblica Italiana e del diritto al voto alle donne;
   30esimo ricorrente dell'incidente alla centrale nucleare di Cernobyl;
   50esimo ricorrente dell'alluvione di Firenze;
   110 anni dalla nascita di Enrico Mattei;
   100esimo anniversario della morte di Nazario Sauro e Cesare Battisti;
   40esimo anniversario del primo computer Apple.
Il concorso si articola in diverse sezioni:
A) Poesia su ricorrenza letteraria
B) Racconto su ricorrenza letteraria
C) Poesia su ricorrenza storica
D) Racconto su ricorrenza storica

Tommaso Mondelli ha partecipato alla sezione C - Poesia su ricorrenza storica - e si è classificato secondo con REPUBBLICA 70, ricevendo un trofeo e il diploma d'onore.
I nostri più vivi complimenti!




REPUBBLICA 70

Più vecchio io sono
con novantasette
quando dal trono
Vittorio cadette.
Era di Maggio
e per fare un assaggio
col voto alle donne
le nuove colonne.
Quel Nodo Savoia
già tanto intricato
il nuovo ci ha dato
un quadro di noia.
Scogliere i Nodi
e poi rinnovare
non battere i chiodi
per poi deragliare.
Quell'Inno Mameli
coi morti risorti
contrastano i cieli
dei vivi e dei morti.
Una scossa è sentita
una voce è levata
non è una trovata
di Messa cantata.

Tommaso Mondelli