POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

domenica, maggio 21

BOTTONE O PULSANTE? di Silvio Coccaro e Danila Oppio



Cara Danila

ho letto con molto piacere il tuo commento e lo condivido pienamente. 
Vorrei continuare l'analisi... focalizzandola sulla posizione delle parole nella frase.
In inglese le parole sono meticolosamente disposte nel discorso, perché è la loro posizione reciproca a dare il senso preciso.
Poiché sono quasi tutte invariabili e neutre, è giocoforza utilizzare bene la loro posizione. La nostra lingua invece è flessiva e sono le desinenze ad espletare questa funzione. Quindi, in una traduzione dall'inglese, se non rispettiamo la posizione ecco cosa può succedere: vedi l'allegato...









[È un avviso di Microsoft Windows Live Mail edizione 2009].

Ecco alcuni strafalcioni secondari ad errori di posizione delle parole... o a possibili ambiguità!

Es.: Si fanno giubbini con la pelle dei clienti. 

Affittasi stanza al terzo piano. La portinaia la fa vedere a tutti... 
Letti per bambini di ferro.


Bottone                            







dal Treccani:
...Qualsiasi oggetto di forma tondeggiante che assomigli a un bottone, per usi diversi. In partic.: a. Pulsante, organo di comando sul quale si agisce con la pressione di un dito, per la chiusura o apertura di circuiti elettrici (bdel campanello, ecc.) e di altri meccanismi; nella pubblicistica odierna viene chiamato stanza dei b. il centro direzionale da cui partono gli ordini, e per estens. il centro della direzione politica del paese, o, più genericam., una sede decisionale di alto potere politico ed economico. Talora anche col sign. di manopola: bdi sintonia, nei radioricevitori.


Il pulsante quando premuto aziona il circuito elettrico e poi ritorna, al cessare della pressione su di esso, nella posizione di riposo. L'Interruttore ha due stati, Alto e Basso, entrambi stabili e si può passare da uno stato all'altro semplicemente con una pressione su di esso. Il Pulsante è monostabile e se non è premuto ritorna alla posizione di partenza.



Credo che se vogliamo farci aprire una porta schiacciamo un pulsante per azionare il campanello e non schiacciamo un bottone! [nella spiegazione del Treccani mi pare ridicola l'espressione: b. del campanello, dove b. sta per bottone. Il campanello ha un bottone?]

Con buona pace per le altre locuzioni metaforiche [stanza dei bottoni, ecc.]!

Non si diceva: macchina da scrivere invece che macchina per scrivere?

Analogia...
Maria è una donna da amare. Cioè è una donna che deve essere amata.
La macchina da scrivere è una macchina che deve essere scritta o una macchina per scrivere?
Idem per il ferro da stiro.

Non sono d'accordo che per utilizzare il computer si debba ricorrere solo all'inglese. I termini informatici in lingua inglese, a mio avviso vanno tradotti.

Primo perché si capisce meglio la propria lingua. Ne risulterebbe tanta conoscenza in più per tutti.
Secondo perché le lingue universali quali l'Esperanto ed il Volapük non si sono diffuse e così anche l'inglese non sarà mai la lingua madre universale, nonostante che sia veicolata dalla scienza e dalla tecnologia anglosassone. Gli USA, secondo diversi autori, sono in fase di decadenza. Pensiamo ai corsi e ricorsi storici...
Chi non desidererebbe conoscere nella propria lingua alcuni termini inglesi quali:
bootstrap loader, folding, overclocking, overriding, overloading, stack o chi è in grado di capire i titoli di questi libri di informatica:
Java nuts and bolts
C++ Hands On
Learn you a Haskell for great good
Internet Security for dummies?


da WordReference
button n                (round fastener)                                                                                        bottone nm
                                    Harriet's coat has green buttons.
                                    Il cappotto di Harriet ha i bottoni verdi.
button n                (switch for power)                                                                                    pulsante nm
                                                                                                                                                                  bottone[1] nm
                                    Push the button to turn on the DVD player.
                                    Premi il pulsante per accendere il lettore DVD.
button n                (computer control)                                                                                  tasto nm
                                    Click the right button on the mouse once.
                                    Fai un clic sul tasto destro del mouse.
button n                (round badge)                                                                                              distintivo, badge nm
                                    Ian's backpack is covered with colorful buttons.
                                    Lo zaino di Ian è ricoperto di distintivi colorati.
pause button                                                                                                                                   pulsante di pausa nm
play button n      (control pressed to [sth] start)                                                          pulsante di avvio nm
                                    The slide show is all set up for you to use; just press the play button when you're ready to start.
push button n    (control knob)                                                                                              pulsante, tasto nm
                                                                                                                                                                  manopola nf
push-button adj                 (control knob: pressed)                                                                        pulsante, tasto nm
                                    Modern cars have push-button radio controls.
                                    Le macchine moderne hanno radio con i pulsanti.
push-button        (bottone)                                                                                                       pulsante nm
push-button control                                                                                                                   controllo a pulsante
reset button n   (control that restores a default setting)                                                     pulsante di reset, tasto di reset

Dal Cambridge Dictionary:
a small, sometimes circular object that you press to operate a device or a machine, or an area on a computer screen that looks and acts like one of these:
He inserted the disk and pressed the "play" button.

WordReference.com
realize [sth],
also UK: realise [sth] vtr                 (be aware of)                                                                                                capire [qlcs], comprendere [qlcs] vtr
                                                                                                                                                                                    rendersi conto di [qlcs] v rif
                                                                                                                                                                                     (rendersi conto)                realizzare [qlcs] vtr
                                    I hope he realizes his mistake soon.
                                    Spero che capirà presto il suo errore.
realize,
realize,
realize that,
also UK: realise,
realise that vtr (with clause: be aware that)                                                                               capire che, comprendere che vtr
                                                                                                                                                                                    rendersi conto che v rif
                                    Did you realize that the school term starts next Monday?
                                    Ti sei reso conto che il quadrimestre inizia lunedì prossimo?
realize how/what/who,
also UK: realise how/what/who vtr + conj             (be aware)                                               capire, comprendere vtr
                                                                                                                                                                                    rendersi conto di v rif
                                    He doesn't realize how important this is for me.
                                    Non capisce quanto ciò sia importante per me.
                                    Non si rende conto di quanto ciò sia importante per me.
realize [sth],
UK: also realise vtr          (fulfil, make [sth] real) (concretizzare)                                        realizzare, portare a compimento vtr
                                    I hope you realize your dreams.
                                    Spero che realizzerai i tuoi sogni.
 Traduzioni aggiuntive
realize [sth],
also UK: realise [sth] vtr                 (convert into money) (figurato)                                     monetizzare [qlcs] vtr
                                    They realized all the company's assets.
                                    Monetizzarono tutti i beni della società.
realize [sth],
also UK: realise [sth] vtr                 (obtain, earn)                                                                            (guadagnare)     realizzare [qlcs] vtr
                                    The company realized a profit last quarter.
                                    L'azienda ha realizzato un utile nell'ultimo trimestre.
                                   
realize a dream                                                                                                                              realizzare un sogno vtr
realize one's potential                     (affermarsi)                                                                                realizzarsi v rif




[1] In questo contesto, il bottone sarebbe un pulsante rotondo.

A me sta a cuore che si cerchi di tradurre quanto meglio possibile, restando del parere che è molto difficile tradurre bene. Oggi si fanno le traduzioni automatiche, ma la tecnologia relativa non è sufficientemente matura ed ecco le conseguenze: www.silcosoft.it/traduzioni.docx

Il testo originale:
Because our audience is a wide array of data scientists, we have chosen to implement as many of our examples as possible in Python. Python is a general-purpose programming language that has found a home in the data science community due to rich analytical packages such as Pandas and Scikit-Learn. Unfortunately, the primary Hadoop APIs are usually in Java, and we’ve had to jump through some hoops to provide Python examples, but for the most part we’ve been able to expose the ideas in a practical fashion. Therefore, code in this book will either be MapReduce using Python and Hadoop Streaming, Spark with the PySpark API, or SQL when discussing Hive or Spark SQL. We hope that this will mean a more concise and accessible read for a more general audience.

La traduzione automatica di Google:
Poiché il nostro pubblico è una vasta gamma di scienziati di dati, abbiamo scelto di implementare il maggior numero di esempi possibili in Python. Python è un linguaggio di programmazione in generale che ha trovato una casa nella comunità scientifica dei dati a causa di ricchi pacchetti analitici come Pandas e Scikit-Learn. Purtroppo le API Hadoop primarie sono di solito in Java e abbiamo dovuto saltare attraverso alcuni cerchi per fornire esempi di Python, ma per la maggior parte siamo stati in grado di esporre le idee in modo pratico. Di conseguenza, il codice in questo libro sarà o MapReduce utilizzando Python e Hadoop Streaming, Spark con l'API PySpark o SQL quando si parla di Hive o Spark SQL. Speriamo che questo significherà una lettura più concisa e accessibile per un pubblico più generale.

La mia revisione:
Poiché il nostro pubblico è costituito da vari scienziati che si dedicano ai dati, abbiamo scelto di implementare in Python il maggior numero possibile di esempi. Python è un linguaggio di programmazione di uso generale che è stato bene accolto nella comunità scientifica dei dati per i suoi ricchi pacchetti analitici quali Pandas e Scikit-Learn. Sfortunatamente le API Hadoop primarie sono reperibili solo in linguaggio Java e noi abbiamo dovuto fare i salti mortali per fornirne alcuni esempi in Python, ma nella maggior parte dei casi siamo riusciti ad esporre le nostre idee in modo pratico. Perciò, il codice di questo libro sarà di tipo MapReduce ricorrendo a Python e Hadoop Streaming, a Spark con l'API PySpark o di tipo SQL nel caso ci si riferisca a Hive o Spark SQL. Ci auguriamo che ciò renda la lettura più essenziale e fruibile per un vasto pubblico.

È un brano che ho scelto a caso. Ma poco tempo fa ho comprato un libro, forse tradotto automaticamente, che ho dovuto trascurare malgrado mi fosse costato intorno ai 150,00 € [3 volumi] e fosse stato edito da Microsoft Press e Mondadori Informatica. Il libro aveva un titolo simile: Microsoft Access 2010 oltre ogni limite [aggiungerei di decenza].

Silvio Coccaro

Caro Silvio, 
se non ci fosse una lingua comune che permetta agli informatici di tutto il mondo di comunicare tra loro dati, informazioni, e quant'altro, nascerebbe una confusione mega galattica.
Intendo dire che il linguaggio informatico deve avere una linea comune per tutti, e questa è basata su termini ed espressioni inglesi. 
Quindi, per i normali fruitori del pc, magari qualche traduzione nella nostra lingua potrebbe aiutarli a capire meglio alcune funzioni del proprio personal computer, ma ad altri livelli, come i tuoi, solo la conoscenza profonda  del linguaggio informatico in lingua inglese, permette una corretta comunicazione tra coloro che operano nel settore.
Quando chiedevo a mio figlio la traduzione di un termine informatico in inglese, che non mi era chiaro, mi rispondeva: imparalo, perché è questo che si usa correntemente.
Il mio Mac ha tutte le icone e le funzioni in inglese, potrei volturarle in lingua italiana, ma preferisco mantenerle per meglio immagazzinare informazioni in quella lingua. Una volta compreso che Finder è quella voce che serve per cercare quanto contenuto nella sua memoria, e che tradotto in italiano corrisponderebbe a “cercatore”, che è un brutto sostantivo, non serve una sua sostituzione nella nostra lingua,quando finder è invece un vocabolo di facile memorizzazione e pronuncia.
Word, corrisponde alla pagina dove scrivere che, tradotta letteralmente significa parola (cosa facciamo, la traduciamo in pagina per testi? Oppure foglio, che poi foglio non è? Neppure si tratta di una parola!
Download: scaricatore (di porto?)
Skype: funzione per videochiamate? 
Desktop (scrivania, l’unica o fra le poche,  che si avvale di una sola parola anche nella nostra lingua.
Smetto qui...

Danila Oppio


Nessun commento:

Posta un commento